venerdì 22 giugno 2012

Sangue misto - Roger Smith


Città del Capo, Sudafrica, splendida città per godersi le proprie vacanze e ottima meta per seminare gli inseguitori. E' la scelta perfetta per Jack Burn: trasferire la moglie Susan e il figlioletto Matt in una bella città, e far perdere le proprie tracce. La vita in California è diventata troppo rischiosa e la polizia oramai è sulle sue tracce.La famiglia Burn inizia una nuova vita felice e benestante nella nuova città. Troppo benestante per una realtà troppo povera per non dare nell'occhio. Due giovani ladri proveranno a tentare il colpo grosso, ma Jack, ex marine, è deciso a salvaguardare la sua famiglia e non ha dubbi su cosa fare quando gli si presenta l'occasione per ucciderli. I cadaveri devono sparire alla svelta, Jack deve evitare qualsiasi indagine e accusa per non svelare la sua vera identità.
Le grane si presentano anche a Città del Capo quando il commissario della polizia locale, Rudi Barnard, si presenterà alla porta della villa Burn per indagare sulla morte dei suoi soci d'affari.
La moralità a Città del Capo è una parola vecchia, vecchia come Benny Mezzosangue, ex membro di una gang e dopo una vita violenta e piena di solitudine guardiano notturno. E quando a Benny viene sottratta la cosa a cui tiene di più, la sua cagnetta Bessie, la vendetta sarà l'unico scopo della sua vita, anche a costo di allearsi con Jack Burn.

Questi sono i noir di qualità: veloci, violenti e ambientati un ambiente difficile.
Proprio l'ambiente risulterà il fattore decisivo per la trama del racconto e senza dubbio l'elemento cardine del romanzo di Roger Smith. Un Sudafrica lontano dalle rivoluzionarie idee di Mandela e dallo splendore dei passati mondiali di calcio, ancora impastato nelle lotte razziali e nei traffici illeciti di droga. Una burocrazia corrotta e senza scrupoli è la più naturale conseguenza di una società fondata sulla criminalità.
La rabbia e la paura dei personaggi che si avvicendano in questo romanzo chiudono un noir veramente di qualità destinato a diventare presto, si spera, un film di Samuel L.Jackson.

2 commenti:

  1. Roger Smith è con molto piacere un mio follower su twitter, da tempo ho in wishlist questo romanzo, dopo la tua recensione sono sempre più convinto di comprarlo:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh guarda son soldi spesi veramente bene! te lo consiglio proprio!

      Elimina