venerdì 22 ottobre 2010

La culla vuota - Mary Higgins Clark


Katie DeMaio, sostituto procuratore, è in ospedale a causa di un incidente automobilistico che le ha causato delle perdite di sangue. Le vengono somministrati dei tranquillanti che, però, non sortiscono l'effetto sperato, Katie vede un uomo caricare sul bagaglio di una macchina una donna, ma è interrotta dall'infermiera che la rimette a letto proprio prima di vedere il volto dell'uomo. Il giorno dopo quei ricordi si faranno talmente sbiaditi da dubitare se tutto quello che ha visto fosse realmente successo. In città, intanto, Vangie Lewis, vicina di casa della sorella di Katie, si suicida e per Katie è un trauma: era lei la donna che ha visto all'ospedale! Ma Katie è turbata: non sa se quelle immagini sono ricordi o allucinazioni, non sa se era realtà o solo un sogno premonitore. Decide, allora, di indagare su un suicidio così strano: perché mai una donna incinta così orgogliosa del bambino che portava con sé si sarebbe dovuta suicidare?e perché con del cianuro? Le ricerche si fanno sempre più spinte e si arriva a dubitare dello stesso ospedale Westlake Hospital. Le condizioni di Katie però peggiorano di giorno in giorno finché finalmente non decide di fare il tanto aspettato raschiamento che attendeva oramai da due anni, ed è proprio in ospedale che capirà la verità...

La lettura è molto intrigante con continui colpi di scena. Al contrario di altri thriller, la vera suspence non è la ricerca dell'assassino che non è di difficile comprensione; quanto il susseguirsi di colpi di scena che fanno cambiare gli eventi nel giro di poche pagine. Il libro ha, inoltre, lo scopo di far riflettere su alcune tematiche tra cui l'aborto e la fecondazione assistita e ogni genere di sperimentazione su donne in gravidanza. Lo stile è fluido e la narrazione veloce conferiscono al libro il dinamismo che pochi gialli hanno; in conclusione un ottimo libro che consiglio a tutti di leggere, donne e non. Titolo di Bestseller ampliamente meritato.

Nessun commento:

Posta un commento